Cappellacci di Zucca alla Ferrarese - Arredamenti f.lli Zarattini | Cucine - Soggiorni - Camere - Ferramenta

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ricette

Cappellacci di zucca ferraresi: ricetta originale





I cappellacci di zucca sono il piatto simbolo della cucina di Ferrara. Una dichiarazione d’amore per uno dei grandi prodotti di questa terra: la zucca, che secondo i ricettari storici ferraresi trova impiego anche come accompagnamento alla carne e non solo come ripieno o contorno. La prima ricetta scritta dei cappellacci di zucca risale al 1584 ed è di Giovanni Battista Rossetti, cuoco della corte di Alfonso II d’Este, che la pubblica nella sua opera “Dello Scalco”.
Da allora ad oggi la ricetta è cambiata radicalmente. Prima nel ripieno, in puro stile rinascimentale, si trovavano anche zenzero e cannella e poi con l’andare del tempo i cappellacci sono diventati ricetta popolare: oggi rimane solo la noce moscata come spezia a ricordo di quel passato aristocratico.
Per questa ricetta è stata usata la zucca violina, chiamata butternut in inglese, tipica del ferrarese, la più adatta per la sua dolcezza che crea un eccezionale sapore agro-dolce quando si mescola agli altri ingredienti. Il nome cappellacci, caplaz in dialetto, deriva dal cappello di paglia a tesa larga dei contadini, non dimentichiamoci che per secoli la zucca è stata la principale fonte di sostentamento nelle campagne.

   

Ingredienti per preparare i cappellacci di zucca alla ferrarese
5-6 persone

Per la pasta
  • 6 uova
  • 7 etti di farina

Per il ripieno
  • 1 kg di zucca violina
  • 300 grammi di parmigiano grattugiato
  • 1 uovo
  • sale, pepe e noce moscata


Come preparare i cappellacci di zucca ferraresi perfetti

Partiamo dalla preparazione della sfoglia, molto semplice. Mettete la farina su un tagliere, scavate con la mano nel centro per fare spazio e mettete dentro le uova. Iniziate ad impastare con un forchetta, poi mano a mano che diventa più solida e la farina assorbe le uova, usate le mani. Quando l’impasto è più elastico lavoratelo vigorosamente per 10 minuti, poi fate una palla tonda, coprite con uno straccio e lasciate riposare per 1 ora.


   


Nel frattempo tagliate la zucca a pezzi, eliminate i semi ed i filamenti e cuocetela al forno. Servendovi di un cucchiaio togliete la parte più tenera della polpa lontano dalla buccia e passatela poi al setaccio. Amalgamatela poi con gli altri ingredienti.
Tirate la sfoglia e tagliarla a quadretti piuttosto grossi e versate al centro di ognuno in cucchiaino abbondante di ripieno.

Unite i due angoli opposti di ciascun quadretto imbottito fino ad ottenere un triangolo e saldatene bene i lati con la pressione delle dita.
Cuocete i cappellacci in acqua bollente per 5-6 minuti e serviteli con con burro, salvia e un’ulteriore spolverata di noce moscata. Grattugiatevi sopra abbondante parmigiano e il gioco è fatto. La tradizione ferrarese li prevede anche conditi con un buon ragù di carne. Da non disdegnare neanche con un semplice sugo di pomodoro.

Consigli per preparare i cappellacci alla ferrarese

La ricetta è semplice, tutto si basa sulla zucca, che deve essere perfetta, dolce, ben soda. Non esagerate con la noce moscata, serve solo una spolverata per smussare la dolcezza della zucca e aggiungere ulteriore dimensione. Se il ripieno dovesse essere troppo bagnato aggiungete pane grattugiato. Come detto prima noi usiamo la zucca violina, che ha un sapore più intenso e gustoso, ma ogni zona ha la propria zucca da difendere!


fonte: winedharma.com
 
ARREDAMENTI F.LLI ZARATTINI S.r.l.
elettrodomestici | ferramenta | casalinghi
Via dei Lidi Ferraresi, 276
San Giovanni di Ostellato (FE)
Tel. 0533 57141 | Fax 0533 57588
Torna ai contenuti | Torna al menu